Lavorare all’estero

Hai deciso di lavorare all’estero per imparare l’inglese. Quali sono i settori lavorativi che più ci aiutano a migliorare le nostre competenze linguistiche?

Ti sarai certamente imbattuto, almeno una volta, in un parente, un amico o anche solo un conoscente che si è trasferito per lavorare all’estero ed imparare la lingua in un paese anglofono.
Viaggiare verso uno di questi paesi, immergendosi nella sua routine quotidiana, senza essere in possesso di una conoscenza della lingua appropriata, può dimostrarsi una sfida allettante tanto quanto utile. Difatti, sono sempre più le persone che, presa la decisone di lavorare all’estero, tornano poi a casa con una maggiore fluidità linguistica o comunque con le capacità di utilizzare l’inglese notevolmente migliorate.

Deciso quindi di lavorare all’estero, scopriamo i posti di lavoro più utili

Immagina le dimensioni di una città come Londra, notoriamente la più gettonata per chi vuole lavorare all’estero. È normalissimo sentirsi spaesati nel momento in cui dobbiamo cercare un lavoro. Soprattutto se la scelta deve essere ponderata rispetto al nostro livello di conoscenza dell’inglese e su come il posto di lavoro possa aiutarci a crescere in tal senso. Non scoraggiarti. Ti facilitiamo il compito mostrandoti i principali mestieri utili alla tua causa:

Lavorare all’estero – Ristoranti

Non potevamo far altro che partire da questo settore. Ristoranti e catene di fast food spopolano nelle più grandi metropoli. Sono posti di lavoro molto dinamici, dove non è richiesta una qualifica lavorativa specifica. Non ti nascondiamo che i turni saranno spesso stancanti. Ilvantaggio di questo settore, legato al miglioramento delle tue skills linguistiche, è proprio da ritrovarsi nel suo frenetico dinamismo. Apprenderai rapidamente le frasi base in inglese per cavartela nelle diverse circostanze: capire e scrivere le ordinazioni, comunicare con i colleghi, preparare gli alimenti ed esaudire la qualsiasi del tuo capo chef. Senza dubbio, grazie al continuo scambio di battute con la clientela e con il personale, i miglioramenti saranno notevoli!

Lavorare all’estero – Barman

I principali hotel, club e ristoranti sono in continua ricerca di barman. Un mestiere moderno che richiede anche una certa eleganza e raffinatezza a chi sta dietro il bancone.  Anche in questo caso, parliamo di un lavoro piuttosto impegnativo, visti anche i turni serrati per tutta la settimana, weekend inclusi. Tra ordinazioni di cocktail e la preparazione di sfiziosi aperitivi, entrerai in continuo contatto con clienti e colleghi. Il tuo inglese non potrà far a meno di migliorerà a vista d’occhio.

Lavorare all’estero – Volantinaggio

Sarà semplicissimo trovare un posto di lavoro come addetto al volantinaggio. La richiesta da parte delle aziende non manca mai. La maggior parte delle offerte di lavoro di questo tipo non permettono di ottenere un sostegno economico sufficiente per le spese da affrontare ogni mese. Difatti, in tantissimi decidono di svolgerlo come lavoro secondario per arrotondare lo stipendio. I vantaggi per il tuo inglese? Si tratta di un mestiere che ti permette di immergerti a pieno nella routine quotidiana. Ti capiterà necessariamente di visitare sempre un quartiere diverso, fino ad arrivare ai confini della città ed oltre. Le conversazioni in inglese saranno quindi sempre diverse, alcune più semplici alcune più articolate. I miglioramenti sono garantiti.

Lavorare all’estero – Lavoratori stagionali

Una tipologia di mestiere che interessa chi vuole soggiornare per brevi periodi nel paese ospitante. Le opportunità sono tantissime, dall’animatore di un villaggio turistico, passando per qualche lavoretto nel settore agricolo o della raccolta frutta. In questo caso sono richieste un minimo di pregresse esperienze lavorative nel settore ed una base solida di conoscenza della lingua. Visto anche il poco tempo a disposizione, non è certamente la prima scelta per chi desidera ottenere un livello alto di padronanza della lingua inglese.